Sono un po’ stanco

Certo è un anno duro: malattie e lutti in famiglia, le ragazze che crescono, Martina che ha fatto la maturità e sceglie la facoltà universitaria, genitori da accudire, mia moglie Paola che merita più attenzioni di quante non riesca a darle, il lavoro che fatica a decollare, qualche collega che mi dalude, i nipoti grandi a cui fare un po’ – poco – da vice papà e tutte le altre piccole e grandi cose della vita di ogni giorno.

L'ortolano affaticato

L'ortolano affaticato

E l’orto da seguire. Perchè l’orto, se non lo segui con costanza, te lo segnala subito.

L’erba cresce, le verdure buone seccano o deperiscono o montano, il vento abbatte le canne che sostengono i pomodori… quindi occorre essere costanti e assidui, per quanto possibile; e darsi delle priorità, non voler fare tutto perchè ogni lavoro richiede il suo tempo e non tutto si può fare nella stessa giornata.

Mi è capitato però di sentirla, la stanchezza. L’ultima volta avevo veramente poca voglia di andare a farmi un mazzo tanto nell’orto. Poi inizi, ti immergi nelle attività e la voglia ti viene (o te la fai venire…) ma che fatica!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...