L’orto, la pazienza, le relazioni

Zen

Zen

Da quando ho iniziato a coltivare l’orto mi sento cambiato.

Di certo non dipende da ciò che produco e mangio ma, piuttosto, da ciò che mi è capitato in quest’ultimo, intenso e durissimo anno.

Ho perso persone care, e papà in particolare; ho seguito (più di quanto non facessi prima) le mie figlie crescere, e le ho viste sbocciare, sbagliare, diventare grandi; ho patito e sofferto e gioito con mia moglie, e mi ci sono ritrovato; mi sono avvicinato a mamma e a mia sorella, ho trovato nuove amicizie e relazioni straordinarie.

Curare l’orto mi sta insegnando la fatica della pazienza, e la pazienza della fatica; l’accettazione, l’ascolto, il rispetto; la gestione della frustrazione, quando le cose non vanno come vorrei.

Tra questi il dono più grande credo sia la pazienza, e un certo senso zen nelle cose della vita.

Nell’orto, così come in certe relazioni, non puoi avere fretta: la maturazione richiede tempo, e non è il tempo che vorresti tu bensì quello che ci vuole. Non si misura in ore o giorni, bensì in settimane e mesi.

E nel frattempo? Nel frattempo l’attesa non è vuota e inutile: puoi gustare ogni singolo momento, ogni respiro, un bacio rubato, una mano che ti sfiora e ti fa trasalire, uno sguardo, una telefonata.

Certe relazioni, come i migliori frutti, vanno curate, coltivate, ascoltate con rispetto, lasciate crescere senza forzare: e allora sbocciano e danno e continuano a dare frutti succosi e talvolta inebrianti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

One Response to L’orto, la pazienza, le relazioni

  1. laure ha detto:

    Salut!
    condivido pienamente ciò che ha scritto perchè anch’io da quando è mancato il mio babbo ho cambiato il mio rapporto con il tempo e anche con la famiglia. In questi ultimi anni con la scusa dell’orto e del ronchetto della nonna ci si ritrova tutti in modo particolare le domeniche primavereli ed estive per pranzare nel Rocolo. Effettivamente ci vuole pazienza, costanza et prespicaciem anche per tenere unite le famiglie, così come nella semina….il tempo non scorre invano. Le previsioni meteo per domenica prossima sono ok quindi tutti nel roccolo per una bella grigliata e per trapiantare i pomodori.
    Ti auguri una buona domenica con i tuoi cari.
    A bientot
    laure

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...